Beniamino Gigli

(20.3.1890-30.11.1957) oli italialainen tenori, aikakautensa kuuluisin ja kalleimmin palkattu oopperalaulaja koko maailmassa maailmansotien välisenä aikana. Hän syntyi köyhään käsityöläisperheeseen Recanatissa. Poikkeukselliset laulun lahjat havaittiin jo varhain ja hän liittyi 7-vuotiaana San Flavianon katedraalin poikakuoroon. Monien vaikeuksien jälkeen Gigli pääsi Roomaan opiskelemaan laulua 1908, mutta vasta pääsy Santa Cecilian akatemiaan 1911 antoi hänelle todelliset mahdollisuudet päästä huipulle. Hän opiskeli akatemiassa ensin Antonio Cotognin ja sitten Enrico Rosatin johdolla ja valmistui erinomaisin arvosanoin 1914. Heinäkuussa 1914 hän voitti Parman kansainvälisen laulukilpailun

+ Lue lisää

Uudenvuoden kahvikonsertti 2017

 

UUDENVUODEN KAHVIKONSERTTI

Lauantaina 30.12.2017 klo 15.00

Kallion kirkon kappelisalissa

Itäinen papinkatu 2, Helsinki

 

Valloittavia ooppera-aarioita ja ihanaa italialaista pianomusiikkia esittävät

 Sanna Iljin, sopraano ja Dimitri Candoni, piano

Tilaisuuteen on vapaa pääsy, ohjelma 5 euroa

 

161130-SI-0073_50

 

Sannan haastattelu:

1. Miten Sinusta tuli laulaja?

Oikeastaan päätin jo 6-vuotiaana, että minusta tulisi oopperalaulaja. Elämä johdatti ensin toiseen suuntaan, mutta muutama vuosi sitten päätin alkaa tehdä unelmistani totta.

1. Mikä on lempikappaleesi/-roolisi ja miksi?

Vahvat naishahmot kiehtovat. Jos yksi tulisi nostaa muiden ylitse, olisi se Puccinin Tosca. Äänellisesti se ei istu vielä repertuaariini, mutta toivottavasti jonain päivänä.

3. Kuka on lempisäveltäjäsi?

Maurice Ravel on yksi ehdoton suosikki, erityisesti rakastan hänen pianomusiikkiaan. Oopperasäveltäjissä olen kaikkiruokainen, suuret italialaiset säveltäjät, mutta myös Mozart, Wagner ja Bizet koskettavat syvästi.

4. Mitä teet vapaa-ajallasi?

Vapaa-ajallani käyn kuntosalilla, laitan ruokaa ystävieni kanssa, juon samppanjaa, ajelen veljeni avoautolla ja kuuntelen listahittejä.

5. Mitä odotat uudenvuoden konsertilta?

Odotan inspiroivaa ja tunnelmallista tilaisuutta, jossa pääsemme kokemaan suuria tunteita ja muutaman korkean C:n.

 

Dimitri

 

L’intervista di Dimitri:

1.                   Come hai scelto il pianoforte come strumento musicale?

A casa mia c'era il pianoforte dei miei bisnonni che suonavano per divertimento, e sin da piccolo mi sentivo attratto da questo strumento che mia mamma suonava ogni tanto. Così, quando avevo 6 anni, mia mamma mi iscrisse ad una scuola di musica. Qui incontrai la mia prima insegnante di pianoforte che mi consigliò di fare l'esame di ammissione al conservatorio di Trieste.

2.                  Chi è il tuo componimento musicale preferito e perché?

Ho tante composizioni nel cuore, mi è difficile sceglierne una in particolare. Posso ricordare la Sonata op. 111 di Beethoven, l'Andante spianato e Grande Polacca Brillante op. 22 di Chopin e i vari concerti per pianoforte e orchestra che ho eseguito.

3.                  Chi è il tuo compositore preferito e perché?

Sono tanti gli autori che mi entusiasmano. Posso dire che ogni composizione di Maurice Ravel mi incanta. Come intensità emotiva sento molto vicino a me Beethoven ma anche i compositori del Romanticismo come Chopin e Liszt.

4.                  Che fai durante il tempo libero?

Grandissima parte della mia giornata è dedicata alla musica: studio per i miei prossimi concerti, do lezioni, collaboro con cantanti, dirigo e accompagno cori, arrangio partiture... Mi piace leggere, nuotare d'estate e quando ho occasione suono le campane assieme alla squadra dei "Campanari Bisiachi", il gruppo di campanari della mia zona.

5.                  Che sono le sue speranze del viaggio in Finlandia?

Sono molto contento ed onorato di poter venire a suonare in questo Paese, non vedo l'ora di visitare la Finlandia, spero che grazie alla musica in futuro ci siano occasioni per ritornare e magari di lavorare.

 

                                                                                                          

 

+ Lue lisää

Gigli-2017 Gaalakonsertti

20171203-19062372_60

Jari Hiekkapelto, Michael Alfonsi, Camilla Nylund, Alida Berti, Anton Saris

20171203-17075153_60

GIGLI-2017 Gaalakonsertti 3.12.2017 Savoy-teatteri

20171203-18441026_60

Jari Hiekkapelto ja Michael Alfonsi

20171203-17205621_60

Jari Hiekkapelto ja Alida Berti

20171203-18244073_60

Jari Hiekkapelto ja Anton Saris

20171203-18515576_60

Jari Hiekkapelto ja Camilla Nylund

20171203-17453265_60

Jari Hiekkapelto, Alida Berti ja Michael Alfonsi

20171203-18554129_60

Jari Hiekkapelto, Camilla Nylund ja Anton Saris

20171203-18563923_60

Francesco Benedetti, Gigli-seuran hallituksen jäsen.

20171203-18592843_60

Jari Hiekkapelto e Pierluca Trucchia, il Presidente dell'Associazione Gigli di Recanati

IMG_20171203_175232725_60

Gigli-palkinto 2017 myönnettin suomalaiselle sopraanolle, Camilla Nylundille.

Premio Gigli 2017 al soprano finlandese Camilla Nylund

20171203-16304837_60

Heikki Louko ja Jussi Uuksulainen

20171203-18045237_60

Asterio Tubaldi, il direttore di Radioerre Recanati, Signora Grazia, Signora Rita,

Helena Hakola-Louko, la presidente dell'Associazione Gigli di Finlandia,

Pierluca Trucchia, il presidente dell'Associazione Gigli di Recanati

IMG_20171203_180951099

Pirjo Kuusniemi Gigli-seuran varapuheenjohtaja

IMG_20171203_180944207

Vasemmalla Tuula Åberg Gigli-seuran hallituksen jäsen.

IMG_20171202_121612456_HDR_70

Torsten Brander, Pierluca Trucchia, Alida Berti, Helena Hakola-louko, Asterio Tubaldi

Gigli-laatan alla Helsingissä.

IMG_20171202_121831254_70

Ioan e Alida sotto la targa di Gigli a Helsinki.

IMG_20171202_112616307_60

Helena ja Alida Temppeliaukion kirkossa - nella Chiesa di Roccia a Helsinki.

IMG_20171202_202929655

Michael e Livia a Helsinki.

Anton ja Camilla_24775165_1785030491568167_8110242689577751311_n

Camilla ja Anton Helsingissä.

IIC
Camilla Nylund

            Camilla Nylund

Camilla Nylundin haastattelu:

1. Miten Sinusta tuli laulaja ja oletko koskaan loistavan urasi aikana ajatellut ryhtyväsi johonkin toiseen ammattiin?

Olen aina laulanut. Pienestä asti. Laulaminen kuuluu eläämääni. En ole ikinä urani aikanani

ajatellut muuta ammattia.

2. Mikä on lempiroolisi ja miksi?

Lempiroolini on se rooli Mitä tällä hetkellä teen ja laulan. Täytyy olla paljon tekemistä lavalla!

3. Entä kuka on lempisäveltäjäsi?

Minulla on niin monta lempisäveltäjää, mutta Richard Strauss on kovin läheinen kun hän on 

säveltänyt niin Ihanaa musiikkia sopraanolle!

4. Mitä teet vapaa-ajallasi?

Yritän tehdä liikuntaa, laittaa ruokaa, tavata ystäviä ja olla perheeni kanssa!

5. Mitä odotat tulevalta GIGLI-2017 Gaalakonsertilta?

Vihdoinkin jälleen laulaa italialaista musiikkia ja tavata uusia ihmisiä!

 

140b1

                             Anton Saris

Anton Saris, interview:

1. You have a notable career as an opera-singer but when did you decide to become one?

As I studied trombone at the conservatory the conductor of the choir recommended all first year students to be part of a voice study. I studied trombone and voice for one year. Then decided to become a singer because it was more fun..;)

2. Which is your favorite role and why?

Florestan in Fidelio of Ludwig van Beethoven because it suits my voice and I get to sing this fantastic aria in the opening Act 2.

3. Who is your favorite composer and why?

Puccini because of his gorgeous melodies and perfect orchestrations.

4. What does music mean to you and have you time for anything else on your free time?

I cannot imagine a life without music and I don’t sing more than about 20 evenings pro year so I have plenty of free time ;)

5.  What are your expectations for the trip to Finland and the Gala Concert Gigli-2017?

It’s always nice to come to Finland to sing, I love Finland in winter when there is snow and I look forward to sing with my favorite soprano…

 

ALida Berti

                         Alida Berti

Intervista di Alida Berti:

1. Tu hai già una bellissima carriera come cantante d’opera ma quando hai deciso di diventare cantante?

Ho iniziato gli studi del canto lirico a 19 anni, privatamente e per puro caso, visto che fino a quel momento le mie energie e il mio studio erano proiettate sulla danza e il pattinaggio artistico.

            Un giorno dovetti coreografare Madama Butterfly di G. Puccini.... Rimasi rapita! Ballavo e cantavo le musiche di Puccini ogni giorno... Alla fine mi convizi a prendere lezioni di canto.

            Proprio da questo episodio simpatico ha avuto inizio la mia carriera... Da allora Puccini e il Festival Pucciniano di Torre del lago mi sono stati vicino.

2. Qual è il tuo ruolo preferito e perché?

Ho amato tutti i ruoli che ho interpretato... Da quelli frizzanti come: Adina, Norina e Musetta a quelli drammatici: Violetta, Gilda, Liù, Lucia.... Confesso però che il personaggio di Liù mi sta veramente a cuore per la sua dolcezza, la sua forza e il suo coraggio.

3. Qual è il tuo compositore preferito e perché?

Non c'è un compositore che preferisco ad un altro...Sono tutti dei grandi geni che non finiscono mai di emozionarmi.

 4. La musica, quale parte fa nella tua vita e che fai nel tempo libero?

Il destino ha voluto regalarmi il dono della voce ma ancorpiù quello di apprezzare, capire ed amare la musica in generale.

            Mio marito è stato un ballerino classico, oggi coreografo, mio figlio studia clarinetto al liceo musicale, potete immaginare quanto la musica faccia parte di noi e del nostro quotidiano.

            Nel tempo libero amo stare con la mia famiglia, comunicare con gli amici, trovare un po di serenità nel guardare la natura.

5. Che sono le tue speranze del viaggio in Finlandia e del Concerto di Gala GIGLI-2017?

Helsinki è una città che non ho mai visto e sono molto curiosa di scoprirla "almeno in parte" con voi,non vedo l'ora di conoscere Torsten ed Helena personalmente.

            Beniamino Gigli è uno dei cantanti che prendo sempre come riferimento per lo studio della bellezza del fraseggio e il tecnicismo. Sono onorata di poter fare un concerto in sua memoria e vi ringrazio per questa bellissima opportunità.

 

Michael Alfonsi

            Michael Alfonsi

Intervista di Michael Alfonsi:

1. Sei stato scelto come voce solista della Cappella Sistina già in tenera età: quando hai deciso di diventare cantante?

La mia grande fortuna è stata quella di aver iniziato la mia carriera professionale quale voce solista di Giovanni Paolo II: in quel periodo ricorreva il centenario dell'opera Tosca e a Roma venne indetta una lunga selezione per affidare il ruolo del "Pastorello" ad un bambino che avrebbe dovuto cantare al fianco di Luciano Pavarotti, sotto la regia di Zeffirelli e direzione di Placido Domingo. Vinsi quella selezione. Durante le prove al Teatro dell'Opera di Roma mi emozionai molto per la musica di Puccini e soprattutto per la magia che il Teatro può trasmettere nell'animo puro e sensibile di un bambino che non vi era mai entrato prima: in quel momento decisi di voler cantare! Pavarotti fu d'aiuto e d'incoraggiamento in questo: infatti dopo avermi ascoltato predisse che da grande, dopo lo sviluppo della mia voce, avrei cantato come tenore. Ebbe ragione!

2. Qual è il tuo ruolo preferito e perché?

Solitamente il mio ruolo preferito è quello che canto ed affronto al momento, non ho una preferenza vera e propria: ci sono stati dei compositori e dei librettisti così geniali ed è difficile anche fare una classifica di quale opera o ruolo io preferisca. Indubbiamente, per inlcinazione del mio carattere, preferisco ruoli romantici ad esempio Mario Cavaradossi (Tosca), Werther, Rodolfo (Boheme), Des Grieux (Manon Lescaut), Riccardo (Un ballo in maschera), etc.

3. Qual è il tuo compositore preferito?

Sicuramente Puccini è al primo posto (è anche l'autore eseguo più spesso), seguito dal genio di Busseto: Verdi. Amo moltissimo anche la musica di Mascagni (del quale ho anche inciso vari dischi), Giordano e Massenet.

4. La musica, quale parte fa nella tua vita e che fai nel tempo libero?

La musica ricopre la quasi totalità di ciò che sono: infatti sin dalla tenera età ho sempre fatto questa professione e non saprei fare altro. La musica è cresciuta con me ed in me negli anni. E' un cammino difficile di ricerca e studio che non termina mai: non si riduce al solo momento della performance artistica o al momento dedicato allo studio. E' una ricerca continua, anche nel pensiero, nella quotidianità delle altre cose. Per chi intraprende questa strada professionale, c'è sempre una relazione della realtà che viviamo, con il canto e la musica: almeno per me è così.

5. Che sono le tue speranze del viaggio in Finlandia e del Concerto di Gala GIGLI-2017?

Poter cantare in una terra come la Finlandia è un onore doppio: infatti è la prima volta che partecipo ad una performance in questa stupenda terra, soprattutto partecipare in nome di Gigli è un piacere riservato a pochi del quale ringrazio sin da ora l'Associazione Gigli di Helsinki per l'invito gradito. Avevo già avuto il piacere di cantare in memoria di Beniamino Gigli qualche anno fa a Recanati, ma questa volta sono doppiamente emozionato, visto che Gigli è tra i miei tenori preferiti, se non il preferito. In Italia c'è un proverbio che recita "non c'è due senza tre", quindi spero che ci sarà presto una terza occasione, in memoria del grande tenore di Recanati.

 

Jari Hiekkapelto

                       Jari Hiekkapelto

 Jari Hiekkapellon haastattelu:

1. Onko laulajien säestys intohimosi ja vaatiiko se jotain tiettyjä ominaisuuksia pianistilta?

- On! Täytyy olla korvat ja silmät auki ja mielellään melko kiltti ihminen.

2. Mikä on lempiteoksesi?

Aina joku työn alla olevista – juuri nyt Taikahuilu jota valmistelen Vaasan Oopperan Mozart-konserttiin.

3. Entä kuka on lempisäveltäjäsi?

Beethoven.

4. Mitä teet vapaa-ajallasi?

Liikun ja luen.

5. Mitä odotat vuoden 2017 Gigli-konsertilta?

Odotan taas inspiroivaa matkaa italialaiseen repertuaariin ja kieleen kansainvälisessä seurassa.

 

 

GIGLI-2017

GIGLI-2017 Concerto di Gala

3.12.2017 alle ore 17 Teatro Savoy, Helsinki

Alida Berti, soprano:

Screenshot_2017-03-03-08-41-18

 

Michael Alfonsi, tenore:

a

 

Anton Saris, tenore:

140b1

 

Camillan Nylundin videohaastattelu:

18943597_6082718602523_4568204199019413504_n

 

+ Lue lisää

Recanati

+ Lue lisää

Myytävät tuotteet

Sielu lauloi

+ Lue lisää

Uudenvuoden kahvikonsertti 2017

 

UUDENVUODEN KAHVIKONSERTTI

Lauantaina 30.12.2017 klo 15.00

Kallion kirkon kappelisalissa

Itäinen papinkatu 2, Helsinki

 

Valloittavia ooppera-aarioita ja ihanaa italialaista pianomusiikkia esittävät

 Sanna Iljin, sopraano ja Dimitri Candoni, piano

Tilaisuuteen on vapaa pääsy, ohjelma 5 euroa

 

161130-SI-0073_50

 

Sannan haastattelu:

1. Miten Sinusta tuli laulaja?

Oikeastaan päätin jo 6-vuotiaana, että minusta tulisi oopperalaulaja. Elämä johdatti ensin toiseen suuntaan, mutta muutama vuosi sitten päätin alkaa tehdä unelmistani totta.

1. Mikä on lempikappaleesi/-roolisi ja miksi?

Vahvat naishahmot kiehtovat. Jos yksi tulisi nostaa muiden ylitse, olisi se Puccinin Tosca. Äänellisesti se ei istu vielä repertuaariini, mutta toivottavasti jonain päivänä.

3. Kuka on lempisäveltäjäsi?

Maurice Ravel on yksi ehdoton suosikki, erityisesti rakastan hänen pianomusiikkiaan. Oopperasäveltäjissä olen kaikkiruokainen, suuret italialaiset säveltäjät, mutta myös Mozart, Wagner ja Bizet koskettavat syvästi.

4. Mitä teet vapaa-ajallasi?

Vapaa-ajallani käyn kuntosalilla, laitan ruokaa ystävieni kanssa, juon samppanjaa, ajelen veljeni avoautolla ja kuuntelen listahittejä.

5. Mitä odotat uudenvuoden konsertilta?

Odotan inspiroivaa ja tunnelmallista tilaisuutta, jossa pääsemme kokemaan suuria tunteita ja muutaman korkean C:n.

 

Dimitri

 

L’intervista di Dimitri:

1.                   Come hai scelto il pianoforte come strumento musicale?

A casa mia c'era il pianoforte dei miei bisnonni che suonavano per divertimento, e sin da piccolo mi sentivo attratto da questo strumento che mia mamma suonava ogni tanto. Così, quando avevo 6 anni, mia mamma mi iscrisse ad una scuola di musica. Qui incontrai la mia prima insegnante di pianoforte che mi consigliò di fare l'esame di ammissione al conservatorio di Trieste.

2.                  Chi è il tuo componimento musicale preferito e perché?

Ho tante composizioni nel cuore, mi è difficile sceglierne una in particolare. Posso ricordare la Sonata op. 111 di Beethoven, l'Andante spianato e Grande Polacca Brillante op. 22 di Chopin e i vari concerti per pianoforte e orchestra che ho eseguito.

3.                  Chi è il tuo compositore preferito e perché?

Sono tanti gli autori che mi entusiasmano. Posso dire che ogni composizione di Maurice Ravel mi incanta. Come intensità emotiva sento molto vicino a me Beethoven ma anche i compositori del Romanticismo come Chopin e Liszt.

4.                  Che fai durante il tempo libero?

Grandissima parte della mia giornata è dedicata alla musica: studio per i miei prossimi concerti, do lezioni, collaboro con cantanti, dirigo e accompagno cori, arrangio partiture... Mi piace leggere, nuotare d'estate e quando ho occasione suono le campane assieme alla squadra dei "Campanari Bisiachi", il gruppo di campanari della mia zona.

5.                  Che sono le sue speranze del viaggio in Finlandia?

Sono molto contento ed onorato di poter venire a suonare in questo Paese, non vedo l'ora di visitare la Finlandia, spero che grazie alla musica in futuro ci siano occasioni per ritornare e magari di lavorare.

 

                                                                                                          

 

+ Lue lisää

Gigli-2017 Gaalakonsertti

20171203-19062372_60

Jari Hiekkapelto, Michael Alfonsi, Camilla Nylund, Alida Berti, Anton Saris

20171203-17075153_60

GIGLI-2017 Gaalakonsertti 3.12.2017 Savoy-teatteri

20171203-18441026_60

Jari Hiekkapelto ja Michael Alfonsi

20171203-17205621_60

Jari Hiekkapelto ja Alida Berti

20171203-18244073_60

Jari Hiekkapelto ja Anton Saris

20171203-18515576_60

Jari Hiekkapelto ja Camilla Nylund

20171203-17453265_60

Jari Hiekkapelto, Alida Berti ja Michael Alfonsi

20171203-18554129_60

Jari Hiekkapelto, Camilla Nylund ja Anton Saris

20171203-18563923_60

Francesco Benedetti, Gigli-seuran hallituksen jäsen.

20171203-18592843_60

Jari Hiekkapelto e Pierluca Trucchia, il Presidente dell'Associazione Gigli di Recanati

IMG_20171203_175232725_60

Gigli-palkinto 2017 myönnettin suomalaiselle sopraanolle, Camilla Nylundille.

Premio Gigli 2017 al soprano finlandese Camilla Nylund

20171203-16304837_60

Heikki Louko ja Jussi Uuksulainen

20171203-18045237_60

Asterio Tubaldi, il direttore di Radioerre Recanati, Signora Grazia, Signora Rita,

Helena Hakola-Louko, la presidente dell'Associazione Gigli di Finlandia,

Pierluca Trucchia, il presidente dell'Associazione Gigli di Recanati

IMG_20171203_180951099

Pirjo Kuusniemi Gigli-seuran varapuheenjohtaja

IMG_20171203_180944207

Vasemmalla Tuula Åberg Gigli-seuran hallituksen jäsen.

IMG_20171202_121612456_HDR_70

Torsten Brander, Pierluca Trucchia, Alida Berti, Helena Hakola-louko, Asterio Tubaldi

Gigli-laatan alla Helsingissä.

IMG_20171202_121831254_70

Ioan e Alida sotto la targa di Gigli a Helsinki.

IMG_20171202_112616307_60

Helena ja Alida Temppeliaukion kirkossa - nella Chiesa di Roccia a Helsinki.

IMG_20171202_202929655

Michael e Livia a Helsinki.

Anton ja Camilla_24775165_1785030491568167_8110242689577751311_n

Camilla ja Anton Helsingissä.

IIC
Camilla Nylund

            Camilla Nylund

Camilla Nylundin haastattelu:

1. Miten Sinusta tuli laulaja ja oletko koskaan loistavan urasi aikana ajatellut ryhtyväsi johonkin toiseen ammattiin?

Olen aina laulanut. Pienestä asti. Laulaminen kuuluu eläämääni. En ole ikinä urani aikanani

ajatellut muuta ammattia.

2. Mikä on lempiroolisi ja miksi?

Lempiroolini on se rooli Mitä tällä hetkellä teen ja laulan. Täytyy olla paljon tekemistä lavalla!

3. Entä kuka on lempisäveltäjäsi?

Minulla on niin monta lempisäveltäjää, mutta Richard Strauss on kovin läheinen kun hän on 

säveltänyt niin Ihanaa musiikkia sopraanolle!

4. Mitä teet vapaa-ajallasi?

Yritän tehdä liikuntaa, laittaa ruokaa, tavata ystäviä ja olla perheeni kanssa!

5. Mitä odotat tulevalta GIGLI-2017 Gaalakonsertilta?

Vihdoinkin jälleen laulaa italialaista musiikkia ja tavata uusia ihmisiä!

 

140b1

                             Anton Saris

Anton Saris, interview:

1. You have a notable career as an opera-singer but when did you decide to become one?

As I studied trombone at the conservatory the conductor of the choir recommended all first year students to be part of a voice study. I studied trombone and voice for one year. Then decided to become a singer because it was more fun..;)

2. Which is your favorite role and why?

Florestan in Fidelio of Ludwig van Beethoven because it suits my voice and I get to sing this fantastic aria in the opening Act 2.

3. Who is your favorite composer and why?

Puccini because of his gorgeous melodies and perfect orchestrations.

4. What does music mean to you and have you time for anything else on your free time?

I cannot imagine a life without music and I don’t sing more than about 20 evenings pro year so I have plenty of free time ;)

5.  What are your expectations for the trip to Finland and the Gala Concert Gigli-2017?

It’s always nice to come to Finland to sing, I love Finland in winter when there is snow and I look forward to sing with my favorite soprano…

 

ALida Berti

                         Alida Berti

Intervista di Alida Berti:

1. Tu hai già una bellissima carriera come cantante d’opera ma quando hai deciso di diventare cantante?

Ho iniziato gli studi del canto lirico a 19 anni, privatamente e per puro caso, visto che fino a quel momento le mie energie e il mio studio erano proiettate sulla danza e il pattinaggio artistico.

            Un giorno dovetti coreografare Madama Butterfly di G. Puccini.... Rimasi rapita! Ballavo e cantavo le musiche di Puccini ogni giorno... Alla fine mi convizi a prendere lezioni di canto.

            Proprio da questo episodio simpatico ha avuto inizio la mia carriera... Da allora Puccini e il Festival Pucciniano di Torre del lago mi sono stati vicino.

2. Qual è il tuo ruolo preferito e perché?

Ho amato tutti i ruoli che ho interpretato... Da quelli frizzanti come: Adina, Norina e Musetta a quelli drammatici: Violetta, Gilda, Liù, Lucia.... Confesso però che il personaggio di Liù mi sta veramente a cuore per la sua dolcezza, la sua forza e il suo coraggio.

3. Qual è il tuo compositore preferito e perché?

Non c'è un compositore che preferisco ad un altro...Sono tutti dei grandi geni che non finiscono mai di emozionarmi.

 4. La musica, quale parte fa nella tua vita e che fai nel tempo libero?

Il destino ha voluto regalarmi il dono della voce ma ancorpiù quello di apprezzare, capire ed amare la musica in generale.

            Mio marito è stato un ballerino classico, oggi coreografo, mio figlio studia clarinetto al liceo musicale, potete immaginare quanto la musica faccia parte di noi e del nostro quotidiano.

            Nel tempo libero amo stare con la mia famiglia, comunicare con gli amici, trovare un po di serenità nel guardare la natura.

5. Che sono le tue speranze del viaggio in Finlandia e del Concerto di Gala GIGLI-2017?

Helsinki è una città che non ho mai visto e sono molto curiosa di scoprirla "almeno in parte" con voi,non vedo l'ora di conoscere Torsten ed Helena personalmente.

            Beniamino Gigli è uno dei cantanti che prendo sempre come riferimento per lo studio della bellezza del fraseggio e il tecnicismo. Sono onorata di poter fare un concerto in sua memoria e vi ringrazio per questa bellissima opportunità.

 

Michael Alfonsi

            Michael Alfonsi

Intervista di Michael Alfonsi:

1. Sei stato scelto come voce solista della Cappella Sistina già in tenera età: quando hai deciso di diventare cantante?

La mia grande fortuna è stata quella di aver iniziato la mia carriera professionale quale voce solista di Giovanni Paolo II: in quel periodo ricorreva il centenario dell'opera Tosca e a Roma venne indetta una lunga selezione per affidare il ruolo del "Pastorello" ad un bambino che avrebbe dovuto cantare al fianco di Luciano Pavarotti, sotto la regia di Zeffirelli e direzione di Placido Domingo. Vinsi quella selezione. Durante le prove al Teatro dell'Opera di Roma mi emozionai molto per la musica di Puccini e soprattutto per la magia che il Teatro può trasmettere nell'animo puro e sensibile di un bambino che non vi era mai entrato prima: in quel momento decisi di voler cantare! Pavarotti fu d'aiuto e d'incoraggiamento in questo: infatti dopo avermi ascoltato predisse che da grande, dopo lo sviluppo della mia voce, avrei cantato come tenore. Ebbe ragione!

2. Qual è il tuo ruolo preferito e perché?

Solitamente il mio ruolo preferito è quello che canto ed affronto al momento, non ho una preferenza vera e propria: ci sono stati dei compositori e dei librettisti così geniali ed è difficile anche fare una classifica di quale opera o ruolo io preferisca. Indubbiamente, per inlcinazione del mio carattere, preferisco ruoli romantici ad esempio Mario Cavaradossi (Tosca), Werther, Rodolfo (Boheme), Des Grieux (Manon Lescaut), Riccardo (Un ballo in maschera), etc.

3. Qual è il tuo compositore preferito?

Sicuramente Puccini è al primo posto (è anche l'autore eseguo più spesso), seguito dal genio di Busseto: Verdi. Amo moltissimo anche la musica di Mascagni (del quale ho anche inciso vari dischi), Giordano e Massenet.

4. La musica, quale parte fa nella tua vita e che fai nel tempo libero?

La musica ricopre la quasi totalità di ciò che sono: infatti sin dalla tenera età ho sempre fatto questa professione e non saprei fare altro. La musica è cresciuta con me ed in me negli anni. E' un cammino difficile di ricerca e studio che non termina mai: non si riduce al solo momento della performance artistica o al momento dedicato allo studio. E' una ricerca continua, anche nel pensiero, nella quotidianità delle altre cose. Per chi intraprende questa strada professionale, c'è sempre una relazione della realtà che viviamo, con il canto e la musica: almeno per me è così.

5. Che sono le tue speranze del viaggio in Finlandia e del Concerto di Gala GIGLI-2017?

Poter cantare in una terra come la Finlandia è un onore doppio: infatti è la prima volta che partecipo ad una performance in questa stupenda terra, soprattutto partecipare in nome di Gigli è un piacere riservato a pochi del quale ringrazio sin da ora l'Associazione Gigli di Helsinki per l'invito gradito. Avevo già avuto il piacere di cantare in memoria di Beniamino Gigli qualche anno fa a Recanati, ma questa volta sono doppiamente emozionato, visto che Gigli è tra i miei tenori preferiti, se non il preferito. In Italia c'è un proverbio che recita "non c'è due senza tre", quindi spero che ci sarà presto una terza occasione, in memoria del grande tenore di Recanati.

 

Jari Hiekkapelto

                       Jari Hiekkapelto

 Jari Hiekkapellon haastattelu:

1. Onko laulajien säestys intohimosi ja vaatiiko se jotain tiettyjä ominaisuuksia pianistilta?

- On! Täytyy olla korvat ja silmät auki ja mielellään melko kiltti ihminen.

2. Mikä on lempiteoksesi?

Aina joku työn alla olevista – juuri nyt Taikahuilu jota valmistelen Vaasan Oopperan Mozart-konserttiin.

3. Entä kuka on lempisäveltäjäsi?

Beethoven.

4. Mitä teet vapaa-ajallasi?

Liikun ja luen.

5. Mitä odotat vuoden 2017 Gigli-konsertilta?

Odotan taas inspiroivaa matkaa italialaiseen repertuaariin ja kieleen kansainvälisessä seurassa.

 

 

GIGLI-2017

GIGLI-2017 Concerto di Gala

3.12.2017 alle ore 17 Teatro Savoy, Helsinki

Alida Berti, soprano:

Screenshot_2017-03-03-08-41-18

 

Michael Alfonsi, tenore:

a

 

Anton Saris, tenore:

140b1

 

Camillan Nylundin videohaastattelu:

18943597_6082718602523_4568204199019413504_n

 

+ Lue lisää

50 vuotta Giglin tahdissa

Yksi kerää postimerkkejä, toinen antiikkia, kolmas fanittaa englantilaista jalkapallojoukkuetta. Torsten Branderin intohimo on Beniamino Gigli. Harrastus on vienyt miestä jo yli 50 vuotta. Samalla hän on toiminut italialaisen bel canton ja lyyrisen tenorilaulun lähettiläänä Suomessa.

Teksti Kimmo Kallonen Kuvat Timo Porthan

+ Lue lisää